Piano di Bonus Comunali per integrare i redditi dei cittadini in stato di precarietà

Realizzazione di un piano strategico per l’edilizia popolare e agevolata che parta dall’esigenza di riutilizzare il vasto patrimonio sfitto della città per offrire abitazioni a prezzi sostenibili, sia in termini di “case popolari” vere e proprie, sia in termini di agevolazioni sul mutuo per chi vuole comprare la prima casa con un reddito medio-basso;

Promozione delle strutture di co-housing per dare maggiore sostegno alle famiglie con necessità di assistenza di anziani in famiglia e per creare rapporti di collaborazione tra generazioni;

Ampliamento e organizzazione delle opportunità di volontariato civico per gli anziani in attività utili alla collettività, dalla sorveglianza del traffico davanti alle scuole alla manutenzione di spazi verdi e locali civici;

Piano di mobilità per i disabili, invertendo il trend di tagli e ai finanziamenti per la mobilità;

Rispetto degli obblighi di predisposizione di percorsi per ipovedenti e altri percorsi facilitati, ad esempio tramite percorsi tattili o marcati a infrarosso;

Revisione dei criteri di assegnazione delle case popolari e controlli di idoneità (redditi, case all’estero, auto di lusso) degli occupanti ad avere accesso ad affitti agevolati.(controllare criteri di assegnazione degli alloggi popolari)

 

Controllo dell’effettiva accessibilità dei siti Web comunali secondo le leggi nazionali in materia.

(Visited 2 times, 1 visits today)
Vai alla barra degli strumenti