Proposta per l’istituzione del regolamento per la gestione dei beni confiscati o sequestrati alle mafie

No Comments

Nel prossimo Consiglio Comunale Il Meetup di Treviglio attraverso il suo portavoce, il Consigliere Comunale del Movimento Cinque Stelle Emanuele Calvi, propone di istituire il “Regolamento per la gestione dei beni confiscati o sequestrati alle mafie”.

Consci del fatto che allo stato delle cose non vi siano urgenze in tal senso proponiamo all’amministrazione di dotare il comune di uno strumento di civiltà ricordando anche che il 2 Luglio 2018 il Consiglio dei Ministri ha approvato “regolamento per Agenzia nazionale beni confiscati” , “con il quale si adegua la disciplina sull’organizzazione e la dotazione delle risorse umane dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc) alle disposizioni introdotte dalla legge di modifica del Codice delle leggi antimafia e per la tutela del lavoro nelle aziende sequestrate e confiscate (legge 17 ottobre del 2017, n. 161)”.

Nel testo della mozione contestualizziamo al territorio questa istanza, “Pur non essendo noti beni sequestrati nel comune di Treviglio, la deliberazione di un regolamento attinente al riutilizzo dei beni confiscati o sequestrati alle mafie costituisca in sé un deterrente atto a scoraggiare attività criminali ed a incentivare e dar forza alla presenza dello stato sul territorio”, ed è infatti con questo spirito che intendiamo portare all’attenzione dei lavori del Consiglio Comunale un regolamento che enfatizza la presenza dello stato sul territorio trevigliese che seppur non afflitto da problematiche non è di fatto astratto dalla regione né tanto meno dal paese.

“Il panino da Casa” una libera scelta.

No Comments

Non si ferma l’avanzata del “panino da casa”. E’ di pochi giorni fa la sentenza del Consiglio di Stato che per la prima volta è stato chiamato a pronunciarsi sul diritto degli alunni di consumare a scuola pasti non distribuiti dalle mense. La motivazione della sentenza parla di libertà delle decisioni assunte dai dirigenti scolastici, di libera scelta da parte dei genitori nella scelta alimentare per i propri figli. E così, dopo il caso dello scorso anno di Torino, anche il massimo organo vieta ai comuni di imporre il servizio mensa nelle scuole. Servizio che più volte è stato contestato dai genitori, che si sono riuniti in comitati (a Milano esiste perfino una pagina facebook) per difendere i propri diritti e che spesso si sono lamentati a causa del costo elevato e della scarsa qualità del cibo fornito. Pochi però sanno che la capofila di questa rivolta è stata Treviglio, dove già nel settembre 2016 era stato dato il via libera all’iniziativa portata avanti dal Movimento 5 Stelle locale, che aveva indetto una raccolta firme, arrivata poi in regione grazie all’allora consigliera regionale Paola Macchi. Il successo e la validità del progetto hanno fatto sì che sempre in più comuni si sia richiesto di poter scegliere e questa nuova sentenza peserà su tutte le vertenze aperte in numerose regioni italiane.
Sia chiaro, la nostra non è una battaglia contro le mense scolastiche, ma a favore della libertà di scelta di genitori e alunni di scegliere il servizio fornito dai vari concessionari esterni o di preparare e portare il proprio pasto da casa, nel rispetto delle linee guida della buona e sana alimentazione.

Fototrappole per monitorare e contrastare l’abbandono dei rifiuti

No Comments

L’abbandono dei rifiuti nei campi e lungo le strade è un fenomeno purtroppo sempre più presente e costituisce una delle principali cause del degrado ambientale nelle città, provocando danni secondari anche sanitari ed economici, con le amministrazioni comunali che sono chiamate ad affrontare i costi per intervenire per la rimozione dei rifiuti.
Sappiamo che l’abbandono dei rifiuti da parte di alcuni “pessimi cittadini” è un malcostume difficile da sradicare e siamo convinti che vi sia la necessità di mettere in campo azioni concrete, per prevenire e – se necessario – sanzionare tali comportamenti.

A tal proposito ricordiamo che il decreto legislativo 152/2006 vieta “l’abbandono e il deposito incontrollato dei rifiuti sul suolo e nel suolo” ed anche “l’immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stadio solido o liquido, nelle acque superficiali o sotterranee” ed asserisce che “chi abbandona o deposita rifiuti è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 105 euro a 626 euro. Se l’abbandono di rifiuti sul suolo riguarda rifiuti non pericolosi e non ingombranti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 euro a 155 euro.”
Inoltre, il responsabile dell’abbandono di rifiuti, oltre a pagare la multa, “è tenuto a procedere alla rimozione, all’avvio a recupero e allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dei luoghi”.

L’autorità garante per la protezione dei dati personali, con provvedimento dell’8 aprile 2010, stabilisce che in applicazione dei richiamati principi di liceità, finalità e proporzionalità, l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza risulta lecito con riferimento alle attività di controllo volte ad accertare l’utilizzo abusivo di aree impiegate come discariche di materiali e di sostanze pericolose se non risulta possibile, o si riveli non efficace, il ricorso a strumenti e sistemi di controllo alternativi.

Ritenendo che sia necessario un intervento urgente per risolvere il problema, il Movimento 5 Stelle di Treviglio ha ritenuto opportuno presentare una mozione, che verrà discussa nel prossimo Consiglio Comunale, che auspica l’intensificazione delle attività di controllo delle aree a rischio sversamento di rifiuti abusivi, mediante l’utilizzo delle cosiddette “Fototrappole”.
Si tratta di dispositivi che, inizialmente usati nel monitoraggio faunistico, si sono velocemente trasformati in mezzo utile agli enti locali per la sorveglianza.
La fototrappola non ha un costo elevato, è mobile, facilmente posizionabile nei luoghi più opportuni e indipendente da reti, dotata di batterie che danno un’adeguata autonomia, registra video e immagini su memoria SD, possono inviare le immagini via e-mail tramite una SIM card, anche con identificazione delle targhe degli autoveicoli, è dotata di infrarosso per la visione notturna ed è resistente agli agenti atmosferici.
Diversi Comuni, anche nella nastra zona, hanno già positivamente sperimentato questo sistema.

In tal modo si potranno monitorare facilmente i tanti siti critici sul territorio cittadino, con diversi importanti risultati per la nostra Città: Favorire il decoro urbano, disincentivare e multare i disonesti e ottenere un significativo risparmio per la collettività, che non dovrà più farsi carico delle spese di rimozione dei rifiuti abusivi.

mozione-fototrappole

Blister, ci provano ancora

No Comments

L’amministrazione comunale di Treviglio torna di nuovo alla carica sul progetto Blister, l’intervento proposto dalla società privata che intende costruire nell’area della Valle del Lupo, in Geromina, zona dove non è prevista l’edificazione di alcunché per numerose ragioni.
Progetto nato nel 2012 su impulso della società, per cui l’amministrazione dell’allora sindaco Pezzoni ratificò una variante al PGT da lui stesso approvata, bocciata però in Provincia.
Contro la decisione della Provincia il Comune promosse un ricorso al TAR, tuttora pendente.

Oggi la Giunta Imeri (erede naturale di quella del Sindaco neolaureato), non paga dei tentativi andati a vuoto e delle pendenze giudiziarie, ci riprova.
Propone alla Regione un Accordo di Programma, nella speranza che questa trovata possa sbloccare la situazione, bypassando qualsiasi PGT comunale, PTCP provinciale e decisione del TAR.

Quanta solerzia!
Quanta passione e impegno profusi per favorire un progetto proposto da un privato!
Nonostante il PGT preveda altri luoghi deputati a tali opere;
Nonostante il recente ampliamento dei posti disponibili alla Fondazione Anni Sereni;
Nonostante la possibilità di progettare un recupero di fabbricati già esistenti, evitando altre colate di cemento;
Nonostante l’intervento deturperebbe una delle zone a maggior pregio naturalistico del nostro territorio;
Nonostante una porzione dell’intervento ricadrebbe in una zona classificata “4D” nella “Carta di fattibilità geologica”, che la identifica come zona “soggetta a processi geomorfologicamente attivi da parte delle acque superficiali”.
Nonostante il parere dello stesso Settore Servizi sociali del Comune di Treviglio del 24 settembre del 2012 parli chiaramente di “impatto ambientale significativo” e di “rischio di ghettizzazione dell’utenza”.
Nonostante la bocciatura della Provincia;
Nonostante il ricorso pendente al TAR.

Ci chiediamo: PERCHE’?
Ci chiediamo anche per quale motivo il Partito Democratico di Treviglio, fino a ieri fermamente contrario, stia cominciando a cambiare posizione, come si evince dalle recenti dichiarazioni pubbliche rilasciate da alcuni suoi esponenti.
A che gioco stanno giocando?
Lo stesso dell’autostrada Casirate-Dalmine e dell’Interporto?
È possibile che strizzino l’occhio agli ambientalisti mentre tendono una mano ai signori del cemento?
Ci sono forse pezzi del PD che stringono accordi con quelli che dicono di combattere?

Forse il PD non è più in grado di rispondere al suo elettorato di sinistra neanche a livello locale e si sposta sempre più al centro, concentrandosi su battaglie che danno visibilità sui social e giornali e facendo perdere credibilità alle minoranze trevigliesi in consiglio comunale, dove contano 3 consiglieri su 6.

Treviglio non ha bisogno di zuffe adolescenziali e di ambiguità. Treviglio merita una politica chiara e coerente, non solo a parole.
Fin dall’inizio di questa triste storia, noi abbiamo sostenuto che il posto adatto a un progetto come quello di Blister non sia certo la Valle del Lupo, ma nemmeno spostare lo stesso in altre zone sia una soluzione valida.
Preferiamo evitare strutture enormi in periferia dove anziani, disabili e persone con fragilità resterebbero inevitabilmente escluse dalla quotidianità della città.

Trattando a parte le situazioni che necessitano un’assistenza medico-sanitaria specialistica, che fortunatamente sono la minoranza, vogliamo favorire i CONDOMINI SOCIALI, con servizi di sostegno condivisi, mediante la ristrutturazione e l’adeguamento di stabili già esistenti, che magari oggi versano in pessime condizioni.
Potremmo così avere una sana valorizzazione del patrimonio immobiliare cittadino esistente, dare assistenza a chi ne ha bisogno e far vivere bene le persone senza strapparle dalla città e dal suo tessuto.
Il tutto senza consumare altro suolo verde.

Riteniamo che un’amministrazione lungimirante, invece di cercare appoggi regionali per nuove colate di cemento, dovrebbe favorire questo tipo di interventi, anche mettendo in relazione proprietari e potenziali investitori, e che un’opposizione responsabile abbia il dovere di essere chiara, evitando cambi di rotta repentini e incomprensibili su temi così importanti per lo sviluppo della città.

Movimento 5 Stelle Treviglio

 

Vai alla barra degli strumenti