Comunicato Stampa “Ex cava Vailata”

No Comments

Il territorio trevigliese ha visto risolvere il perdurare di una situazione che avrebbe condizionato dal punto di vista ambientale una zona importante e praticamente letteralmente a ridosso della città, vista la dislocazione della cava all’ex Vailata, grazie alla nota sentenza del Consiglio di Stato n° 03434/2018 del 5 aprile 2018, ai comitati civici ed associazione ambientale, alle forze politiche rappresentate anche nel tavolo dell’amianto e alla amministrazione trevigliese, che hanno ritenuto per tempo doveroso opporsi ad un progetto che consideravano dannoso per la salute dei cittadini.Oggi a distanza di poco tempo da quello che riteniamo come Movimento Cinque Stelle un successo dovuto alla coesione dei cittadini trevigliesi e rappresentanze politiche vediamo pubblicare su una importante testata bergamasca in data 7 dicembre 2018 un articolo che contiene a nostro dire una serie di inesattezze e situazioni che lasciano perplesso chi di questa vicenda si è occupato . L’articolo fa riferimento ad “un’ultima assemblea dei soci Sabb, in cui sarebbe stato approvato all’unanimità da tutti i sindaci dei comuni soci” l’approvazione di un progetto alternativo che consiste con il riempire l’ex cava con “terreno e roccia di scavo”, terre e rocce di scavo che “possono contenere materiali come calcestruzzo, bentonite, polivinilcloruro (PVC), vetroresine, miscele cementizie e additivi per cavo meccanizzato”. “A patto però che non presentino concentrazioni di inquinanti superiori a determinati limiti di legge”.Punto primo: crediamo che in materia ambientale “determinati limiti di legge” non sempre costituiscono una garanzia assoluta e forse agire in conseguenza di un principio di precauzione non sarebbe assolutamente sbagliato; secondo: non ci risulta che il voto all’assemblea di soci Sabb sia stato unanime, siamo certi, al netto di ogni verifica, che non ci sia stato all’ordine del giorno un punto specifico su un’eventuale progetto citato dallo stesso articolo, anzi siamo certi della volontà dell’amministrazione comunale trevigliese di portare in consiglio ogni decisione riguardante la destinazione futura dell’area e quindi verificheremo nelle opportune sedi ciò che è stato verbalizzato.

Comunicato Stampa 2018/11/28

No Comments

Ognuno può legittimamente scegliere il colore politico per rappresentare le istanze che sente vicino al suo modo d’essere, pero questa volta la presidentessa della Commissione Pari Opportunità ha dimostrato di interpretare il suo ruolo istituzionale in un modo poco consono ad una veste che richiede la capacita di essere sopra le parti. La sua fotografia con alle spalle il simbolo di appartenenza politica mentre annuncia l’audizione in Consiglio Comunale è poco adeguata ad un simile ruolo autonomo e in virtù di una rappresentanza estesa. Teniamo presente che il nostro portavoce locale non ha mai portato in Consiglio la spilletta del Movimento, pur essendo stato eletto con quel simbolo, ritenendo predominante la volontà a portare nella discussione in aula le istanze dei cittadini indipendentemente dagli schieramenti. Dunque se un consigliere di opposizione ritiene sia importante il ruolo istituzionale nel rispetto di tutti non vediamo come non lo debba fare chi per incarico si è assunto un impegno preciso. Questa vicenda che probabilmente verrà derubricata a una “leggerezza” ha impedito di fatto all’opposizione di partecipare al dibattito che deve avere al centro dell’attenzione i lavori di una commissione dai temi molto sensibili se letti nel contesto attuale. Ci auguriamo che non vi siano altre cadute di stile durante questo mandato che potrebbero dirottare l’attenzione della scena politica trevigliese su aspetti diversi dal lavoro di questa commissione.

Proposta per l’istituzione del regolamento per la gestione dei beni confiscati o sequestrati alle mafie

No Comments

Nel prossimo Consiglio Comunale Il Meetup di Treviglio attraverso il suo portavoce, il Consigliere Comunale del Movimento Cinque Stelle Emanuele Calvi, propone di istituire il “Regolamento per la gestione dei beni confiscati o sequestrati alle mafie”.

Consci del fatto che allo stato delle cose non vi siano urgenze in tal senso proponiamo all’amministrazione di dotare il comune di uno strumento di civiltà ricordando anche che il 2 Luglio 2018 il Consiglio dei Ministri ha approvato “regolamento per Agenzia nazionale beni confiscati” , “con il quale si adegua la disciplina sull’organizzazione e la dotazione delle risorse umane dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc) alle disposizioni introdotte dalla legge di modifica del Codice delle leggi antimafia e per la tutela del lavoro nelle aziende sequestrate e confiscate (legge 17 ottobre del 2017, n. 161)”.

Nel testo della mozione contestualizziamo al territorio questa istanza, “Pur non essendo noti beni sequestrati nel comune di Treviglio, la deliberazione di un regolamento attinente al riutilizzo dei beni confiscati o sequestrati alle mafie costituisca in sé un deterrente atto a scoraggiare attività criminali ed a incentivare e dar forza alla presenza dello stato sul territorio”, ed è infatti con questo spirito che intendiamo portare all’attenzione dei lavori del Consiglio Comunale un regolamento che enfatizza la presenza dello stato sul territorio trevigliese che seppur non afflitto da problematiche non è di fatto astratto dalla regione né tanto meno dal paese.

“Il panino da Casa” una libera scelta.

No Comments

Non si ferma l’avanzata del “panino da casa”. E’ di pochi giorni fa la sentenza del Consiglio di Stato che per la prima volta è stato chiamato a pronunciarsi sul diritto degli alunni di consumare a scuola pasti non distribuiti dalle mense. La motivazione della sentenza parla di libertà delle decisioni assunte dai dirigenti scolastici, di libera scelta da parte dei genitori nella scelta alimentare per i propri figli. E così, dopo il caso dello scorso anno di Torino, anche il massimo organo vieta ai comuni di imporre il servizio mensa nelle scuole. Servizio che più volte è stato contestato dai genitori, che si sono riuniti in comitati (a Milano esiste perfino una pagina facebook) per difendere i propri diritti e che spesso si sono lamentati a causa del costo elevato e della scarsa qualità del cibo fornito. Pochi però sanno che la capofila di questa rivolta è stata Treviglio, dove già nel settembre 2016 era stato dato il via libera all’iniziativa portata avanti dal Movimento 5 Stelle locale, che aveva indetto una raccolta firme, arrivata poi in regione grazie all’allora consigliera regionale Paola Macchi. Il successo e la validità del progetto hanno fatto sì che sempre in più comuni si sia richiesto di poter scegliere e questa nuova sentenza peserà su tutte le vertenze aperte in numerose regioni italiane.
Sia chiaro, la nostra non è una battaglia contro le mense scolastiche, ma a favore della libertà di scelta di genitori e alunni di scegliere il servizio fornito dai vari concessionari esterni o di preparare e portare il proprio pasto da casa, nel rispetto delle linee guida della buona e sana alimentazione.

Fototrappole per monitorare e contrastare l’abbandono dei rifiuti

No Comments

L’abbandono dei rifiuti nei campi e lungo le strade è un fenomeno purtroppo sempre più presente e costituisce una delle principali cause del degrado ambientale nelle città, provocando danni secondari anche sanitari ed economici, con le amministrazioni comunali che sono chiamate ad affrontare i costi per intervenire per la rimozione dei rifiuti.
Sappiamo che l’abbandono dei rifiuti da parte di alcuni “pessimi cittadini” è un malcostume difficile da sradicare e siamo convinti che vi sia la necessità di mettere in campo azioni concrete, per prevenire e – se necessario – sanzionare tali comportamenti.

A tal proposito ricordiamo che il decreto legislativo 152/2006 vieta “l’abbandono e il deposito incontrollato dei rifiuti sul suolo e nel suolo” ed anche “l’immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stadio solido o liquido, nelle acque superficiali o sotterranee” ed asserisce che “chi abbandona o deposita rifiuti è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 105 euro a 626 euro. Se l’abbandono di rifiuti sul suolo riguarda rifiuti non pericolosi e non ingombranti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 euro a 155 euro.”
Inoltre, il responsabile dell’abbandono di rifiuti, oltre a pagare la multa, “è tenuto a procedere alla rimozione, all’avvio a recupero e allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dei luoghi”.

L’autorità garante per la protezione dei dati personali, con provvedimento dell’8 aprile 2010, stabilisce che in applicazione dei richiamati principi di liceità, finalità e proporzionalità, l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza risulta lecito con riferimento alle attività di controllo volte ad accertare l’utilizzo abusivo di aree impiegate come discariche di materiali e di sostanze pericolose se non risulta possibile, o si riveli non efficace, il ricorso a strumenti e sistemi di controllo alternativi.

Ritenendo che sia necessario un intervento urgente per risolvere il problema, il Movimento 5 Stelle di Treviglio ha ritenuto opportuno presentare una mozione, che verrà discussa nel prossimo Consiglio Comunale, che auspica l’intensificazione delle attività di controllo delle aree a rischio sversamento di rifiuti abusivi, mediante l’utilizzo delle cosiddette “Fototrappole”.
Si tratta di dispositivi che, inizialmente usati nel monitoraggio faunistico, si sono velocemente trasformati in mezzo utile agli enti locali per la sorveglianza.
La fototrappola non ha un costo elevato, è mobile, facilmente posizionabile nei luoghi più opportuni e indipendente da reti, dotata di batterie che danno un’adeguata autonomia, registra video e immagini su memoria SD, possono inviare le immagini via e-mail tramite una SIM card, anche con identificazione delle targhe degli autoveicoli, è dotata di infrarosso per la visione notturna ed è resistente agli agenti atmosferici.
Diversi Comuni, anche nella nastra zona, hanno già positivamente sperimentato questo sistema.

In tal modo si potranno monitorare facilmente i tanti siti critici sul territorio cittadino, con diversi importanti risultati per la nostra Città: Favorire il decoro urbano, disincentivare e multare i disonesti e ottenere un significativo risparmio per la collettività, che non dovrà più farsi carico delle spese di rimozione dei rifiuti abusivi.

mozione-fototrappole

Vai alla barra degli strumenti